Apicoltura

Come proteggere le api selvatiche e domestiche con il “tetto delle api”

By Eric Dussotoire , on 28 Marzo 2024 , updated on 28 Marzo 2024 - 4 minutes to read
Noter cet article

Il calendario annuncia il ritorno della primavera tra poche settimane, più precisamente il 20 marzo. Con esso gli insetti usciranno dal letargo e torneranno a impollinare fiori e alberi da frutto.

Tra questi insetti ricompariranno anche le nostre preziose galline, per questo è fondamentale capire come proteggerle. Sono fortemente minacciati da Calabrone asiatico, ma ci sono anche delle precauzioni da prendere. In un comunicato stampa.

Un tetto per le api, una rete di cento apicoltori in lotta per a apicoltura locale, artigianale e rispettoso delle api, ci informa sulle migliori pratiche da seguire per salvare le api. Ti viene spiegato tutto.

Quali sono i primi passi facili da mettere in pratica?

Un tetto per gli uccelli è una delle semplici azioni che possiamo intraprendere per affrontare la minaccia che affligge tutti gli uccelli, siano essi domestici o selvatici. Potresti ricordare che gli uccelli domestici sono quelli allevati in colonie negli alveari. Per quanto riguarda le api selvatiche o solitarie, sono creature che vivono nella natura e si nutrono, ad esempio, nelle caverne degli insetti. Quindi quando estirpiamo il nostro giardini o le nostre piantagioni, dovremmo innanzitutto evitare l’uso di erbicidi e pesticidi per proteggere le api.

Queste sostanze chimiche, chiamate interferenti endocrini, attaccano il sistema nervoso e provocano piccoli incendi nelle api. L’installazione di piccole falde acquifere è il passo successivo da effettuare per permettere alle api di idratarsi. L’acqua, infatti, è necessaria per la creazione della pappa reale, una sostanza preziosa che nutrirà poi le larve. In questo caso è sufficiente installare alcune tazzine con dei ciottoli sul fondo. Questi permetteranno all’ape di sistemarsi per bere. Ogni settimana, o più spesso se la temperatura è elevata, è opportuno cambiare l’acqua.

Un albergo per insetti.
Un hotel pieno di insetti. Foto illustrativa non contrattuale. Grazie a Shutterstock

Organizza il tuo giardino per proteggere le api

I giardini circondati da un cordone risalgono ad un’epoca dove gli uccelli non erano ancora minacciati. Oggi alcuni appezzamenti vengono lasciati incolti o coltivati ​​con fiori che producono miele. In questa categoria sono inclusi lavanda, timo, coriandolo, giacinto, papavero, salvia, impatiens, nasturzio, giglio, arum, gladiolo, cosmo, garofano, agapanthus, dalia, lobelia, begonia, astro, calendula, zinnia, bocca di leone, edera, grano saraceno, ranuncolo campestre, ecc.

Dobbiamo quindi lasciare che crescano quelle che comunemente chiamiamo “erbacce”. Sono pietosi per noi umani, ma sono benefici per le api. Sarebbe sciocco ignorare l’attuale tendenza creare un giardino selvaggio e naturale. La maggior parte delle piante di miele sono piante annuali che possono essere cucite insieme, ad esempio in quadrati di legno. Ti verrà chiesto di falciare l’erba solo una volta all’anno, perché fare di più è più vantaggioso per le api che per te.

Sponsorizza un alveare

Se non hai un giardino, ma vuoi fare un gesto forte per salvare le api, un tetto d’abbazia ti offre il patrocinio degli alveari. Puoi noleggiare un’arnia per un prezzo compreso tra $ 5 e $ 65, a seconda dell’anno. Questo investimento ti permette di avere un apicoltore vicino a te.

La struttura conta più di 100 membri in tutta la Francia.

Potrai così sostenere finanziariamente il tuo apicoltore e, in cambio, riceverai regolarmente notizie dai tuoi protetti. Sarai invitato a visitare la tua arnia durante gli open day e, soprattutto, riceverai dai 3 ai 60 vasetti di miele ogni anno. Naturalmente, il numero di barattoli di melassa dipende dall’importo della rata mensile. Visita il sito Untoitpourlesbees.fr per saperne di più.

Un tetto per le api.
Un tetto per le api. Credito fotografico: Les Dorloteurs (screenshot YouTube)

Prenditi cura delle api selvatiche

Non tutte le api, però, sono addomesticate installato in un’arnia e coccolato dagli apicoltori. Quest’anno Un tetto per le api lancia un nuovo progetto per le api selvatiche: Bee Coccola. Questi non fanno il miele, ma sono meravigliosi impollinatori che va anch’esso protetto.

Collegandosi al sito Lesdorloteurs.fr, potrete acquistare un “pacchetto coccole” composto da una casetta per insetti, bozzoli per api e semi di fiori per la cifra di 114 € (diversi modelli disponibili). Realizzate con tubi trasparenti, le casette saranno anche una meravigliosa lezione di natura per i bambini che potranno osservarle.

Scoprire :

Un tetto per le api

Le babysitter

Partagez cet article :

Comments

Leave a comment

Your comment will be revised by the site if needed.